Riccardo Richiusa prima foto
Riccardo Richiusa bambino

Riccardo Richiusa

Fotografo

Sono sempre stato un bambino determinato e con le idee abbastanza chiare, la voglia di fare il fotografo penso sia nata con me e l’ho sempre curata e fatta crescere nel tempo.

Ho tenuto in mano una macchina fotografica per la prima volta quando avevo 5 anni (la foto che vedete è la mia primissima foto e quella successiva ritrae la mia faccia paffuta subito dopo averla scattata) , era la macchina fotografica di famiglia, di quelle economiche e da allora non ho più smesso di fare fotografie iniziando a comunicare attraverso di esse.

Ho sempre creduto che la fotografia fosse un modo per esprimere il mio essere, forse, per quanto mi riguarda, il modo migliore per farlo se nonchè l’unico.
Mi definisco un creativo, la creatività è una cosa molto preziosa e cerco di accrescerla attraverso ciò che amo di più; leggo, guardo film e serie e ascolto musica trasferendo tutto questo all’interno dell’ambito lavorativo.

La mia fotografia è ciò che sono: reale, spontanea, spesso fuori dagli schemi, semplice; descrivo la mia fotografia “una fotografia siciliana” quella fotografia nuda e cruda con i colori e i sapori tipici del nostro luogo.

Vivere di fotografia in Sicilia vuol dire vivere di matrimoni, ho sempre ammirato i fotografi che giravano intorno agli sposi, che gestivano i tempi della cerimonia e che facessero quelle gioiose foto di gruppo con tutti gli invitati.
Ho cercato sin da subito di far parte di questo mondo prima come assistente per tanti anni e poi come fotografo.

Non dimenticherò mai il mio primo matrimonio, era una sostituzione per un amico, avevo 26 anni; in quel giorno ricordo l’ansia e la paura di non essere in grado, di non essere ai livelli di quei fotografi che erano stati la mia guida per tanti anni ma senza neanche accorgemene, mi resi conto che mi avevano insegnato ed io avevo appreso più di quanto pensassi.
Quel giorno, certo con un po’ di stupore misto a timore, ero diventato uno di loro e, fermandomi un momento durante l’omelia del sacerdote, mi son detto: Sono un fotografo!
Certo la strada non si era mica conclusa lì, anzi era appena iniziata una lunga salita che giorno dopo giorno mi dona ancora nuove esperienze, punti di vista, tecniche ed idee.

L’altra svolta nella mia vita è stato nel maggio del 2011 quando ho aperto il mio studio fotografico, gli ultimi anni sono stati incredibili, ricchi di sfide, gioie, dolori e soddisfazioni, ho consciuto nuove persone, ne ho perse alcune e tutte hanno contribuito e contribuiscono a rendere me ciò che sono, pregi e difetti, il pacchetto completo insomma!

I miei Servizi

Fotografici

Contattami